Regione Puglia

Cupagri 1

Cupagri WEB

Da più di un anno la marina di Casalabate è passata alle amministrazioni di Trepuzzi e Squinzano e già molto è cambiato. Nella cura e nell’attenzione che entrambe le amministrazioni hanno sin da subito dimostrato, si interpreta il desiderio di restituire la bellezza perduta di un luogo, a lungo trascurato (e maltrattato).
Accanto alle scelte politiche ed ai tanti sforzi che sono stati fatti negli ultimi due anni per migliorare la marina, sarebbe utile riqualificare lo storico paese sul mare anche attraverso un piano di comunicazione ad hoc che accompagni le strategie delle amministrazioni, configurandosi come strumento del policy making in tutte le sue fasi, dalla
individuazione dei problemi fino alla loro risoluzione. Sappiamo bene infatti che “la comunicazione cambia l’organizzazione. I valori e l’identità costitutiva si rifondano intorno a nuovi principi guida, le procedure vengono semplificate, i servizi rispondono meglio ai bisogni dell’utenza, i linguaggi diventano più comprensibili, le competenze e le conoscenze dentro l’organizzazione si affinano e si specializzano, le relazioni migliorano e aumentano”.
Partiamo innanzitutto dalla natura di Casalabate, storica località marina luogo di villeggiatura dei residenti dei paesi limitrofi, quali Trepuzzi, Squinzano e Campi, abitata solo nel periodo estivo, come quasi tutte le marine salentine, diventando città deserta in inverno. Gli strumenti da utilizzare per effettuare le iniziative di comunicazione, quindi, dovranno concentrarsi principalmente nel periodo estivo ma ciò non esclude, la possibilità di adottare altri strumenti, capaci di raggiungere contesti diversi per creare attenzione sul tema, considerato che la maggior parte di villeggianti risiedono nei comuni limitrofi.
Analizzando la situazione economica di Casalabate, si ricava che il turismo rappresenta il settore economico trainante del territorio. E’ necessario quindi investire su questo aspetto, evidenziando i punti di forza che rendono la marina un’attrattiva turistica, con attività di promozione e valorizzazione delle risorse in grado di attirare anche solo il turismo. Inoltre, dall’analisi fatta, sono emersi la parziale copertura di molti dei principali servizi, una scarsa (seppure in aumento) sensibilità ambientale. Diversi quindi sono gli obiettivi da porsi. Innanzitutto le amministrazioni dovranno, come stanno facendo, promuovere un cambiamento radicale nella governance della marina, attraverso la partecipazione dei cittadini. Modificando anche e soprattutto la percezione che ciascuno ha del luogo; non più Casalabate “terra di nessuno”, carente di servizi e di attrattive paesaggistiche ma marina organizzata e valorizzata per le bellezze che i suoi paesaggi offrono.
Sarà quindi fondamentale aumentare il livello consapevolezza e informazione di cittadini e villeggianti sui cambiamenti in atto, stimolare processi partecipativi di chi vive Casalabate e determinante è anche comunicare i servizi agli utenti. Diffondere al meglio la conoscenza dei servizi attivati ed implementarli da una parte (dall’informazione sui servizi, all’educazione ambientale, ..) e mantenere un canale d’ascolto aperto con l’utenza dall’altro, così da migliorare l’organizzazione della p.a. in virtù dell’ascolto. Se si darò il via a queste nuove forme di lavoro, come già si sta facendo, a marina potrà raggiungere quella trasformazione a cui tanto aspira, riprendendosi la sua dignità tra le marine del
Salento. E questo lo si capirà, a mio avviso, dal grado di affetto e dal senso di appartenenza che, in primis, la comunità che vive Casalabate sarà in grado di esprimere, affinchè possa crescere l’idea della marina come bene comune.

Torna all'inizio del contenuto