Cupagri 1

Piano di Azione Locale 2014-2020: Gli interventi

INTERVENTO 1.1 - INTERVENTI DI ACCESSIBILITÀ E RIQUALIFICAZIONE FISICA PER MIGLIORARE LA FRUIZIONE A FINI TURISTICI DEL PATRIMONIO CULTURALE ED ARCHEOLOGICO DELL'AREA. (2)

Presentiamo le sche deBase giuridica                                  

Art. 20, paragrafo 1, e) par. 2) e 3) del Reg. (UE) n. 1305/2013;

Descrizione del tipo di intervento:

Con questo intervento il GAL mira a finanziare il miglioramento di edifici e ambienti di particolare pregio naturalistico, culturale, archeologico, architettonico e della archeologia industriale  che fino a questo momento sono risultati difficilmente accessibili e renderli quindi usufruibili a ogni categoria di persone, al di là dell'eventuale presenza di una condizione di disabilità. Saranno altresì finanziati due interventi fisici dove allocare le strutture info point turistiche. 

Saranno realizzati interventi di ristrutturazione, ammodernamento e miglioramento dell’accessibilità' dei beni a valenza storico architettonica, e archeologica e della archeologia industriale  inclusi piccoli punti ristoro  funzionali alla  fruizione turistica.

Tipo di sostegno

Il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale a fondo perduto, con intensità di contributo fino al 100% della spesa ammessa

Beneficiari

Amministrazioni pubbliche

Costi ammissibili

·    investimenti per il restauro, la ristrutturazione e la riqualificazione dei fabbricati di interesse storico architettonico, archeologico, della archeologia industriale e delle loro pertinenze;

·    acquisto di nuovi macchinari e attrezzature per la fruizione pubblica;

·    investimenti per il miglioramento del rendimento energetico dei fabbricati (es. interventi di isolamento termico,…);

·    investimenti per la costruzione e/o il potenziamento di impianti di approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili;

·    interventi per garantire l’accessibilità e fruibilità ad utenti con esigenze complesse e differenziate;

·    spese per allestimento di punti di accoglienza e ristoro

·    spese generali, incluse le indagini e gli studi per l'analisi dei fabbisogni connessi all'investimento, sino al 10% delle spese ammissibili.

Modalità di affidamento

Intervento a Bando

Condizioni di ammissibilità

L’ammissibilità delle domande è subordinata al rispetto delle seguenti condizioni:

I fabbricati oggetto d’intervento e le eventuali pertinenze devono essere nella piena disponibilità del richiedente.

Ai fini della applicazione di quanto previsto dal art. 71 del Reg. (UE) n. 1303/2013, gli investimenti di tipo fondiario/ edilizio finanziati sono soggetti ad un vincolo di destinazione (computato dalla liquidazione del saldo del contributo) di 10 anni. Per gli altri investimenti il vincolo di destinazione è di 5 anni.

Ai sensi dell’art. 20, comma 3 del Reg. (UE) n. 1305/2013, gli investimenti di cui alla presente misura sono sovvenzionabili se gli interventi a cui si riferiscono vengono realizzati sulla base di piani di sviluppo dei comuni situati nelle zone rurali e dei servizi comunali di base, ove tali piani esistano, e sono conformi alle pertinenti strategie di sviluppo locale.

Gli interventi devono essere compatibili con la normativa vigente in campo ambientale (ivi

compresa la Valutazione di Incidenza qualora prevista), paesaggistico, forestale e urbanistico territoriale e la loro realizzazione è comunque subordinata all’acquisizione, da parte del beneficiario, di tutte le autorizzazioni di legge previste.

Gli interventi devono essere conformi agli strumenti di pianificazione e/o programmazione locale ed essere coerenti con la strategia di sviluppo locale del GAL VdC.

Gli interventi proposti devono contenere un piano definito relativo alle modalità di gestione degli immobili di almeno 5 anni dalla data di presentazione della domanda di saldo .

Importi e aliquote di sostegno

Per i beni a valenza storico architettonica, archeologica e archeologia industriale il contributo è calcolato su una spesa massima ammissibile di  € 140.000 

L’intensità di contributo fino al  100% della spesa ammessa;

Per le strutture fisiche dove allocare gli info point turistici  il contributo è calcolato su una spesa massima ammissibile di  € 35.000 

L’intensità di contributo fino al 100% della spesa ammessa.